Archive for March, 2011


Test sui caschi! Wow!

Casco: il test sulla sicurezza

a cura di Performedia

A cavallo di una sella e per di più su due ruote.
Questa è la situazione nella quale ogni giorno milioni di centauri si trovano a dover vivere nel mondo. Un po’ per scelta, ma molto spesso anche per necessità, scooter e motociclette sono così la risposta più efficace al traffico delle grandi città. I pregi? Spostamenti in breve tempo e soprattutto la possibilità di parcheggiare sempre e dovunque… o quasi.

In attesa dell’airbag per i motociclisti l’unico mezzo con il quale possono difendersi i possessori di “due ruote” resta quindi il casco. Sempre allacciato, ma soprattutto omologato. Ma ci bastano come garanzie? Secondo la Rivista Altro Consumo sembrerebbe proprio di no.

Il noto mensile ha infatti “messo alla sbarra” 15 tra i caschi più venduti e diffusi con una serie di test per saggiarne i reali standard qualitativi e di sicurezza. Da notare tra l’altro come alcune delle prove eseguite siano le stesse previste per Legge al fine di ottenere la tanto sospirata etichetta che ne attesti l’omologazione obbligatoria. Resta quindi il dubbio di come sia possibile, numeri di Altro Consumo alla mano, la successiva commercializzazione.

Ma quali sono stati i test effettuati? Le prove si sono suddivise in quelle obbligatorie “da omologazione” più alcune extra. Tra le fondamentali ricordiamo quelle riguardanti “l’assorbimento degli urti” e lo “scalzamento”. La prima non ha bisogno di tante spiegazioni e misura la resistenza del casco se sollecitato in determinati punti, mentre la seconda tiene conto di quanto un urto faccia sfilare il casco dalla testa e va di pari passo con la tenuta dei cinturini sottogola.

A questi risultati sono stati sommati quelli relativi ad altre prove simulando in un laboratorio ufficiale e specializzato per questo tipo di test varie situazioni reali come la presenza di occhiali, la sicurezza della visiera, ma anche la comodità nel calzare il casco stesso.

La classifica finale prende in esame tutte le prove effettuate ed i primi sette classificati ottengono per ogni prova valutazioni che vanno dall’accettabile all’ottimo; dall’ ottava “piazza” alla quindicesima tutti bocciati con la maggioranza dei risultati che ha viaggiato tra il mediocre ed il pessimo.

Il migliore è il casco SHOEI J-Wing che ottiene 77 punti sul massimo dei 100 possibili. In assoluto quello che supera al meglio tutte le prove, comprese quelle “extra-omologazione”. Sicuramente molto caro (costa circa 435 Euro), ma giustificabili per la sicurezza che è in grado di garantire.

Chi invece rappresenta il miglior compromesso tra qualità e prezzo è il GREX J2. Ha un listino di poco superiore ai 100 Euro ed anche se ottiene sei punti in meno del “migliore” supera tutte le prove a cui è stato sottoposto.

L’NCA J400 (61 punti) è invece la soluzione perfetta per chi intende davvero spendere il meno possibile senza però per questo rinunciare alla propria sicurezza. Un casco che a dire della Rivista Altro Consumo “protegge bene e costa poco”; unica pecca è l’essere un po’ meno confortevole degli altri (troppo pochi) “promossi”.

Questa la classifica completa dei “buoni”:

1 – SHOEI J-Wing, 77 punti – 430/439 Euro

2 – GREX J2, 71 punti – 92/122 Euro

3 – X-LITE X-402, 68 punti – 279/349 Euro

4 – NOLAN N43 Air, 67 punti – 189/243 Euro

5 – ARAI SZ-F, 61 punti – 450/510 Euro

6 – NCA J 400, 61 punti – 75 Euro

7 – SUOMY Nomad, 59 punti – 249/299 Euro

Dall’ottavo posto in poi… i “cattivi”:

8 – AGV Blade – 85/129 Euro

9 – AIROH Jet 55 s – 149/160 Euro

10 – CABERG Downtown S – 159/189 Euro

11 – DAINESE Ergon Jet EV1 – 239/248 Euro

12 – DURALEU Pool Special – 98/100 Euro

13 – MDS Venus – 69/79 Euro

14 – PREMIER HELMETS Touring 3 – 186/209 Euro

15 – SHARK RSJ – 259/320 Euro

Fonte:
http://it.cars.yahoo.com/02022010/297/casco-test-sicurezza-0.html

Advertisements

Yattaman 2008 in Italia!!

Ho ricevuto questa mail da parte di Newbokan Fan club ( www.newbokan.net ). C’è bisogno di far sentire il nostro caloroso appoggio alla proposta di importare le nuove puntate di Yattaman! Sì, Yattaman è stato riproposto in Giappone, dopo 30 anni, con le nuove puntate!  E sono davvero belle!!

Speriamo di poter vedere YATTAMAN 2008 anche in Italia!
YATTAA YATTAA YATTAAAAMAAAN!! =D

———————————–

Carissimi Yatta FAN! 

Come sapete il nostro fan club è sempre più tenuto in considerazione quando si tratta di importare prodotti relativi alle Time Bokan e a Yattaman.

Il film live uscito nelle sale infatti è stato adattato con il nostro aiuto e supporto, molte battute dei dialoghi sono state scritte da Beppe (Fabio E.), così come ha recuperato tutti i nomi, i tormentoni e i riferimenti alla serie a cartoni animati italiana.

Ora, il nostro instancabile Fabio, si è messo in testa di fare di tutto per far importare la nuova serie Yattaman 2008 e il film a cartoni animati, e si è già mosso!

Visto che tutti i fan hanno apprezzato le voci del film ha chiesto agli stessi doppiatori e alla direttrice del doppiaggio Monica Pariante di doppiare una puntata DEMO per promuove il prodotto verso gli importatori italiani!

I doppiatori e Monica hanno accettato volentieri, Fabio ha già allertato alcuni importatori…

Però serve il vostro aiuto, dovete tutti iscrivervi e far iscrivere più Yattafan possibile a questo gruppo facebook:

http://www.facebook.com/home.php?sk=group_195536630480238

Più saremo e più avremo voce e peso per far importare la serie!

Ovviamente ditegli pure di iscriversi a newbokan.net perché da li si avranno le maggiori sorprese! 

Yatta a tutti voi, confidiamo nel vostro supporto

Newbokan
Fan club

Ero un ragazzino innamorato delle moto e non mi perdevo un numero della rivista “Motocilismo”. Uhm… mi compravo anche “Motosprint” e mi facevo mandare da mia zia giapponese “Motorcyclist” (famosa rivista per le moto) .
Un giorno vedo una foto di Nico Cereghini, su Motociclismo, con un casco stranissimo ma BELLISSIMO: Freddie Spencer versione viola-bianco.

Quel casco non mi andava più via dalla testa! Ricordo ancora che Nico aveva usato quel casco per la prova della Honda VFR750F bianca.

Mi informo in giro e scopro che era il casco di Freddie Spencer ma di quella colorazione non c’è traccia. Evidentemente era stato ricolorato…
Anche la versione originale del casco, con la colorazione rosso-blu sul bianco era bellissimo… Tanto che me lo sono fatto regalare per Natale senza avere una moto! =D

Eh… Tutti mi hanno preso in giro… =P
Me lo sono portato con me anche in montagna! Per me era come avere una scultura e lo ammiravo…

Era un casco costoso, come tutti i caschi Arai (790.000 lire!), ma mia madre, vedendo come ero attratto da quel casco, me l’aveva regalato con un sorriso. Non siamo mai stati ricchi e non potevamo permetterci di fare acquisti così costosi ma lei ha aperto la cassa per regalarmi questa gioia.

Da qui nasce la mia passione per i caschi. Ma fino ad oggi davvero pochi caschi mi sono piaciuti. Anzi, devo dire che sono un pò deluso per la poca creatività per la grafica dei caschi!
Aldo Drudi, il famoso grafico per i caschi, ha disegnato dei bei caschi per Valentino Rossi e per Mick Doohan ed è l’unico che ha saputo dare una nuova tendeza nel mondo della grafica per caschi. Per il resto è sempre stato monotono.

Ho usato il casco di Freddie con immenso orgoglio! =D Ero felicissimo di andare in moto con quel casco e mi dava una bella sensazione. Portavo un’ondata di vanità per le strade di Milano! XD
Passano diversi anni e qualcosa di nuovo è nell’aria… Sì, un nuovo casco “specialissimo” mi si presenta davanti ed è un altro Arai: Mick Doohan.
Bellissimo! Questa volta il casco me lo posso permettere perché avevo già iniziato a lavorare come interprete: 1.290.000 Lire!
E’ davvero costoso… Ma la qualità è super! Secondo me nessuno batte Arai.   Oltre tutto ero un super tifoso di Doohan, non posso perdere questa occasione!

Dopo l’acquisto sono rimasto impressionato dal casco di Doohan.
A diffrenza del casco di Spencer era diventato leggerissimo, l’aerazione incredibile e completamente lavabile. Il design del casco era più arrotondato e più compatto. La presa d’aria sulla bocca era molto efficiente (ma era l’unico punto che non mi piaceva come “disagno”).

Questi 2 caschi mi suscitano qualcosa di molto speciale in me… Sono caschi che rendono belli tutti i motociclisti che li indossano! =D
Da lì la mia ricerca: come rendere un caco “speciale” attraverso la sua grafica?

Ormai anche a Milano ci sono molti motociclisti, o forse meglio definirli scooteristi, ma mi rendo conto che pochi hanno cura dei propri caschi. Si cerca di spendere meno denaro possibile (la qualità del casco è importante eh! Vi salva la vita! Ve lo dico anche per esperenza). Siccome la legge impone a tutti i motociclisti di adottare un casco, il casco viene acquistato solo come un oggetto ingombrante senza piacere.

 Perché non offrire alla gente dei caschi divertenti e unici, un casco che possa rappresentare la propria personalità? Un casco che diventi un piacere, che diventi la propra “faccia”.
I caschi sono costosi quindi non ci sono molte varietà di grafica. Ogni azienda cerca di andare sul sicuro perdendo meno denaro possibile. Infatti è un grande investimento se pensiamo al prezzo di ogni sinolo casco. Se una grafica non funziona, è una grossa perdita!

 Non è facile!
Però penso anche che questa difficoltà possa creare un’opportunità per le aziende coraggiose. Se si riesce a creare un casco di buon successo, attraverso qualche strategia, si riesce a dominare una fetta del mercato del settore. 

La mia speranza è di vedere un giorno la città di Milano dominata dai motociclisti con caschi bellissimi e unici, e che ognuno possa avere il piacere di trovare un casco che lo rappresenti! =)

Mi è capitato diverse volte di acquistare prodotti pesanti o ingombranti. Il problema è sempre stato il tragitto per tornare a casa via metro con il nuovo acquisto. 
Non vi è mai capitato di prendere i mezzi pubblici con uno scatolone in braccio?

Bene, il problema è risolvibile con un semplicissimo oggetto: un manico di plastica!
In Giappone ce l’hanno tutti i negozi ed esiste non so da quanti anni.
Vi spiego meglio l’oggetto in qustione.

Come vedete nel disegno (scusatemi se è disegnato male… ero di fretta)l’oggetto in questione ha una forma ergonomica, simile a un manico, in plastica con 2 estremità arrotondata.
La scatola da trasportare deve essere legeta con uno spago in 2 punti in modo che tra i 2 punti si possa posizionare il manico in plastica.

Nelle 2 estemità del manico si passano gli spaghi della scatola.
In qesto modo diventa facilissimo traportare una scatola grossa o pesante (non pesantissimo eh! Il manico è in plastica).

E’ un oggetto intelligente, utile ed economico e può essere un’idea interessante anche da avviare come business in italia.
Provare pr credere! =D

intervallo…

Helmet Dea

Chi lavora el campo della grafica conosce bene questo nome: Pantone.
Quando ero uno studente di architettura ho speso un sacco di soldi per questi pennarelli… Sono troppo belli e arvrei voluto comprare centinaia di colori differenti in diverse sfumature.
Oggi, l’evoluzione dei software ha modificato il metodo di lavoro quindi non servono più tanti strumenti per i disegni a mano libera.

Pantone si propone anche nell’ambito dei colori usati attraverso il computer ed è un’ottima idea per far combaciare i color usati nella realtà (con i pennarelli) con i colori da usare con il computer.

Pantone, come da ogni anno attraverso l’iniziativa “Color of the year”, promuove un colore dell’anno e questa volta si presenta Pantone 18-2120 Honeysuckle. Un bel rosa salmone che si farà certamente amare da molte persone!

http://www.pantone.com/pages/pantone/Pantone.aspx?pg=20821&ca=4&utm_source=redcoy2011

Autoritratto in stile manga

Non è difficile disegnare un autoritratto in stile manga. Basta saper scegliere gli occhi, il naso, la bocca in stile manga. =)

Qui sotto un esempio. Guardatevi allo specchio, scegliete le parti del volto da qui sotto e le personalizzate.

Provare per credere!

 

 

Importante è saper trovare ogni parte del volto più simile al proprio volto modificando le dimensioni.
Poi ditemi. =)

Sono assonnato… Buona notte (anzi buon giorno) a tutti!